Sistema di Contabilità Ambientale PDF Stampa E-mail

Il Sistema di Contabilità Ambientale del

Parco Marino Regionale "Scogli di Isca"

 

 

“La conservazione

è uno stato di armonia

fra gli uomini e le terre”

(Aldo Leopold)

 

Presentazione

Per essere solida ed avere successo la scienza della sostenibilità deve prevedere metodi e procedure per incrementare la partecipazione pubblica.

Attraverso dibattito e partecipazione si può ottenere un cambiamento tale affermare una cultura dello sviluppo sostenibile.

L’interscambio e la discussione tra l’economia, l’ambiente e la società sollecitano l’impegno di produrre strumenti in grado di comunicare e orientare la necessità tutela e salvaguardia dell’ambiente.

La capacità degli Enti è quella di andare al di la dei semplici aspetti tecnici informativi. Il loro scopo è quello di investire in scelte che pur presentando alti gradi di difficoltà e rilevanza sappiano arrivare alla comunità.

Uno spazio ambientale sano, in altre parole un ecosistema in equilibrio, è l’eredità lasciare alle generazioni future, ed è l’elemento determinante che consente traduzione in dati degli impatti e delle pressioni da parte delle attività antropiche.

Misurare la sostenibilità significa, per chiunque voglia operare nel settore ambiente, rendere nota la capacità di assimilazione dell’ecosistema e incentivare la progressiva dematerializzazione del sistema economico, la diminuzione dei rischi di degrado ambientale e una maggiore partecipazione consapevole.

Raggiungere questi obiettivi comporta una particolare attenzione alle forme di comunicazione e alla predisposizione di documenti che fotografano lo stato di salute e di produttività sostenibile dell’ambiente.

Educare la comunità, dal punto di vista ambientale, significa creare e avere l’opportunità di far apprendere i valori e gli stili di vista richiesti per un futuro sostenibile.

Il Parco Marino Regionale “Scogli di Isca” facendo propri i dettami dello sviluppo sostenibile intende rafforzare la democrazia partecipativa, a mettere in atto cicli di gestione efficienti, dalla loro formulazione alla loro attuazione e valutazione, ad assumersi la responsabilità per la protezione, la conservazione e la disponibilità delle risorse naturali della comunità, a svolgere un ruolo strategico nella razionale utilizzazione dell’area affrontando le problematiche sociali, economiche e culturali per il beneficio di tutti.

F.to Dott.ssa Carmelina Leone

Presidente emerito dell’Ente Parco

 

 

Leggi il progetto